eso1233it-ch — Foto Comunicato Stampa

"Ceci N’est Pas Une Pipe" (Questa non è una pipa)

Una nuova visuale su questa strana nebulosa oscura

15 agosto 2012

Così come la scritta di René Magritte "Questa non è una pipa" sul suo famoso quadro, anche questa non è una pipa. È invece il ritratto di una parte della grande nube di polvere insterstellare chiamata Nebulosa Pipa. Questa nuova immagine molto dettagliata di quella che è nota anche come Barnard 59 è stata ottenuta con il WFI (Wide Field Imager) montato sul telescopio da 2,2 metri di diametro dell'MPG/ESO all'Osservatorio di La Silla dell'ESO. Per una curiosa coincidenza questa immagine viene pubblicata nel 45esimo anniversario della morte del pittore.

La Nebulosa Pipa è un tipico esempio di nebulosa oscura. All'inizio, gli astronomi pensavano che queste fossero aree dello spazio prive di stelle. Più tardi fu scoperto che le nebulose oscure sono invece nubi di polvere insterstellare così spessa da bloccare la luce delle stelle che stanno al di là. La Nebulosa Pipa si staglia contro le ricche concentrazioni di stelle vicine al centro della Via Lattea, nella costellazione di Ofiuco.

Barnard 59 costituisce il cannello della Nebulosa Pipa [1] ed è il soggetto di questa nuova immagine del WFI (Wide Field Imager) montato sul telescopio da 2,2 metri dell'MPG/ESO. Questa strana e complessa nebulosa oscura si trova a 600-700 anni luce dalla Terra.

La nebulosa prende il nome dall'astronomo americano Edward Emerson Barnard, il primo a raccogliere sistematicamente lunghe esposizioni fotografiche di nebulose oscure e uno di coloro che riconobbero la loro natura 'polverosa'. Barnard catalogò in totale 370 nebulose oscure in tutto il cielo. Vero "self-made man", comprò la sua prima casa con il denaro ricevuto in premio per la scoperta di varie comete. Barnard era un osservatore straordinario, con una vista eccezionale, che portò contributi in molti campi dell'astronomia tra la fine del 19esimo secolo e l'inizio del 20esimo.

All'inizio, lo sguardo è attratto al centro dell'immagine dove nubi scure e tortuose sembrano le zampe di un grande ragno steso su una ragnatela di stelle. Dopo pochi istanti si iniziano a riconoscere i dettagli più minuti. Strane volute come di nebbia o fumo nel mezzo dell'oscurità sono illuminate da nuove stelle in formazione. La formazione stellare è comune nelle regioni che contengono dense nubi molecolari, come le nebulose oscure. La polvere e il gas si aggregano sotto l'influenza della gravità e sempre più materia viene attratta, finchè si forma la stella. In confronto a regioni simili, comunque, la regione di Barnard 59 produce relativamente poche stelle e contiene ancora molta polvere.

Se si osserva attentamente, si possono individuare più di una dozzina di piccole strisce blu, verdi e rosse sparpagliate in tutta l'immagine. Si tratta di asteroidi, pezzi di materiale roccioso e metalli, grandi pochi chilometri, in orbita intorno al Sole. La maggioranza si trova nella cintura degli asteroidi, tra le orbite di Marte e di Giove. Barnard 59 è circa dieci milioni di volte più lontana dalla Terra di questi piccoli oggetti [2].

E infine, mentre si osserva questo arazzo riccamente intessuto di oggetti celesti, si consideri per un momento che quando si guarda dalla Terra verso questa zona di cielo si può nascondere l'intera immagine sotto il pollice, con il braccio teso, nonostante misuri circa sei anni luce alla distanza di Barnard 59.

Note

[1] L'intera Nebulosa Pipa è formata da Barnard 65, 66, 67 e 78, oltre a Barnard 59. Si può vedere facilmente a occhio nudo con cieli bui e sereni e ancor meglio dalle latitudini australi dove appare più alta in cielo.

[2] Gli asteroidi si muovono durante l'esposizione e producono piccole tracce. Poichè questa immagine è stata formata a partire da numerose immagini prese in colori diversi in tempi diversi, anche i piccoli tratti colorati sono spostati gli uni rispetto agli altri.

Ulteriori Informazioni

Nel 2012 cade il 50o anniversario della fondazione dell'ESO (European Southern Observatory, o Osservatorio Australe Europeo).  L'ESO è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e l'osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 15 paesi: Austria, Belgio, Brasile, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Olanda, Portogallo, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera. L'ESO svolge un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strumenti astronomici da terra che consentano agli astronomi di realizzare importanti scoperte scientifiche. L'ESO ha anche un ruolo di punta nel promuovere e organizzare la cooperazione nella ricerca astronomica. L'ESO gestisce tre siti osservativi unici al mondo in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. Sul Paranal, l'ESO gestisce il Very Large Telescope, osservatorio astronomico d'avanguardia nella banda visibile e due telescopi per survey. VISTA, il più grande telescopio per survey al mondo, lavora nella banda infrarossa mentre il VST (VLT Survey Telescope) è il più grande telescopio progettato appositamente per produrre survey del cielo in luce visibile. L'ESO è il partner europeo di un telescopio astronomico di concetto rivoluzionario, ALMA, il più grande progetto astronomico esistente. L'ESO al momento sta progettando l'European Extremely Large Telescope o E-ELT (significa Telescopio Europeo Estremamente Grande), della classe dei 40 metri, che opera nell'ottico e infrarosso vicino e che diventerà "il più grande occhio del mondo rivolto al cielo".

Links

Contatti

Nicolas Cretton
ESO Science Outreach Network
Savosa, Switzerland
Tel.: +41 91 81 53 811
E-mail: eson-switzerland@eso.org

Richard Hook
ESO, La Silla, Paranal, E-ELT & Survey Telescopes Press Officer
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6655
Cell.: +49 151 1537 3591
E-mail: rhook@eso.org

Questa è una traduzione del Comunicato Stampa dell'ESO eso1233.

Sul Comunicato Stampa

Comunicato Stampa N":eso1233it-ch
Nome:Pipe Nebula
Tipo:• Solar System : Nebula : Appearance : Dark
Facility:MPG/ESO 2.2-metre telescope

Immagini

Il cannello della Nebulosa Pipa
Il cannello della Nebulosa Pipa
Barnard 59, una nebulosa oscura nella costellazione di Ofiuco
Barnard 59, una nebulosa oscura nella costellazione di Ofiuco

Video

Zoom sulla nebulosa oscura Barnard 59
Zoom sulla nebulosa oscura Barnard 59
Panoramica della nebulosa oscura Barnard 59
Panoramica della nebulosa oscura Barnard 59

Vedere anche